Prima che vada

Prima che io vada

Prima che vada

Attimi che scorrono come rugiada dinanzi ad un telefono.
Risate per le nostre voci giovani e vanitose
Sguardi d’amore a dire: “non è più così”.
Liti d’allora per gelosie aventi fondamento
Baci non sentiti per lo sforzo di un contatto

Le cose mutano quando smetti di pensarci.
Basta ricercare sentieri da seguire.
Ci si perde, a viaggiare col diavolo!
Non riportarti in quelle sensazioni
In cui le lacrime dentro occhi sentivi cadere…

I nostri demoni saranno sempre in continuo caos
Ma da sdraiati la loro attesa sparisce
E scappiamo da quegli incubi
Nascosti i brividi, è finito il freddo.

Tienimi l’anima e dimmelo ancora.
Non lo dirò a nessuno. A nessuno…
Stringimi le mani e freniamo il dolore.
Non mostrarlo ancora. Non sentirlo più…

Prima che vada

Continua a seguirmi sempre qui, su: Liberamando!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *