Poesia felici profumi

Felici profumi

Poesia felici profumi

L’odore di qualcosa che non sai cos’è ma che senti come “tranquilla, sei al sicuro”.

L’odore di protezione solare la prima volta che la senti in estate.

L’odore di libro nuovo e anche quello vecchio e impolverato.

L’odore di bambino, un mix di innocenza e acqua di colonia.

L’odore della persona che hai amato o che ami tutt’ora.

L’odore delle foglie di menta strofinate tra le mani.

L’odore della scorza di limone appena grattugiato.

L’odore di Natale, un mix tra muschio e borotalco.

L’odore di salsedine dopo una giornata al mare.

L’odore della mia pelle quando prende il sole.

L’odore di una giornata in mezzo alla natura.

L’odore di erba sui vestiti appena macchiati.

L’odore di carciofi dopo una scampagnata.

L’odore di benzina, smalto, pittura fresca.

L’odore del profumo Jean Paul Gautier.

L’odore di matita appena temperata.

L’odore dei biscotti appena sfornati.

L’odore di vino rosso per sfumare.

L’odore di Hennè dopo 3 giorni.

L’odore di popcorn al cinema.

L’odore di candela al cocco.

L’odore della colla vinilica.

L’odore di primavera.

L’odore d’inchiostro.

L’odore di frantoio.

L’odore di ceretta.

L’odore di barba.

L’odore di pino.

L’odore di noi.

L’odore di te. Poesia felici profumi

Continuate a seguirmi, sempre qui, su: Liberamando!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *